Blog

PREMIO FURORE DI GIORNALISMO CON OPERE DI ZHENA

https://www.ilvescovado.it/it/sezioni-25/cultura-eventi-spettacoli-13/premio-furore-di-giornalismo-tra-premiati-enrico-73986/article

 

Giunge alla sua 22esima edizione il Premio Furore di Giornalismo, istituito dall'amministrazione communale del sindaco Raffaele Ferraioli nel 1996. Sono oltre 130 i giornalisti che hanno ottenuto questo riconoscimento, il cui prestigio e' gradualmente cresciuto fino ad ottenere l'Alto Patronato della Presidente della Repubblica, annoverando illustri protagonisti della stampa e della televisione. Fai i tanti ci piace ricordare: Beppe Bigazzi e Antonella Clerici, Anna Scafuri e Dino De Laurentiis, Osvaldo Bevilacqua e Donatella Bianchi, Franco Di Mare e Sveva Sagramola.

La singolarità di questo premio sta tutta nel non avere una vera e propria "giuria" se non quella dei componenti della Giunta Municipale, attenti di individuare gli "ambasciatori del Paese che non c'è" e ad esprimere loro i sentimenti della più profonda gratitudine. "Infatti - come tiene a sottolineare il sindaco Ferraioli -, il vero premio è quello che i giornalisti assegnano a Furore, rendendolo protagonista assoluto dei loro articoli e servizi".

La scelta di quest'anno è caduta su otto giornalisti, elencati in rigoroso ordine alfabetico:

• Emiliano Amato, direttore responsabile del quotidiano on-line Il Vescovado;

• Claudio Bacilieri, direttore del periodico Borghi Magazine;

• Luigi Cremona, giornalista enogastronomo del Touring Club;

• Rino Genovese, Giornalista del Tg Rai Tre Campania;

• Renato Malaman, giornalista de Il Mattino di Padova;

• Emanuela Rosa Clot, direttore di Bell'Italia, Bell''Europa, Gardenia e In Viaggio;

• Annibale Toffolo, direttore di TasteVin;

• Enrico Varriale, giornalista sportivo Rai.

 

Le motivazioni saranno rese note all'atto della consegna dei premi che si svolgerà sabato 13 ottobre prossimo con inizio alle 18.00 nella Chiesa di Santa Maria della Pietà, in una serata condotta da Daniela Bruzzone e con la partecipazione, fra gli altri, di Pino Aprile, Flavio Pagano e Geppi Rippa.

 

Francesca Rondinella, nota interprete della canzone napoletana, con l'accompagnamento del pianista Giosi Cincotti allieterà la serata con un agile repertorio nel quale dovrà apposto una "Serenata a Furore", i cui versi sono stati scritti dal sindaco Ferraioli, evidentemente, fra un'ordinanza e l'altra, fra la forma di un certificato di nascita e uno di residenza.

 

I premi consistono in una targa riportante il logo in oro del premio, una tavoletta dipinta fino a della pittrice salernitana Enza Maiorino, in arte ZhenaPranoart, e un buono vacanza per un weekend nel "paese che non c'è".

 

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.